CdT - 07 GIU 2017 - Mendrisio: Miniera d’oro per il Ticino

Mendrisio Miniera d’oro per il Ticino


Ai Campionati svizzeri giovanili organizzati a Rancate la FBTi conquista dieci medaglie Successi per Alessandro Eichenberger (U18), Noah Martini (U15) e Jacopo Faul (U12)


Sono sempre suggestivi i Campionati svizzeri giovanili. L’appuntamento annuale suscita immancabilmente molte emozioni nell’animo dei genitori, dei dirigenti e dei parenti. E sono uno spettacolo particolarmente gradevole. A questa regola non sono sfuggiti i tre tornei che la Cercera ha organizzato domenica a Rancate (frazione di Mendrisio).
La medaglia d’oro della categoria under 18 è finita al collo di Alessandro Eichenberger (Stella Locarno). Alessandro è al suo terzo titolo svizzero. Il primo lo conquistò nella categoria under 11 (diventata poi under 12) nel 2011, il secondo nella categoria under 14 (divenuta under 15) nel 2013. Il ragazzo di Sementina è già un solido pilastro del club verbanese. Viene schierato in squadra in ogni occasione e dà regolarmente il suo importante contributo, pur avendo ancora, come è facilmente immaginabile, ampi margini di miglioramento. Quasi inutile aggiungere che è un giocatore di categoria A.
Il titolo della categoria under 15 è stato vinto da Noah Martini (SB Agno). Noah ha già vinto una prima medaglia d’oro a Lucerna, nel 2014 nella categoria under 11. Il ragazzo di Osogna vive il nostro sport con molta passione, è molto bravo e calca le corsie di gioco controllando le sue emozioni come un giocatore scafato. Genitori a parte, ovviamente, Noah è coccolato dalla saga dei Reina, lo zio Paolo e il cugino Simone, che lo hanno voluto nel loro club. E anche Noah gioca regolarmente il Campionato ticinese a squadre.
Si chiama Jacopo Faul il nuovo campione svizzero dei marmocchietti della categoria under 12. Jacopo non è ancora tesserato per un club e quando gioca porta la maglia della FBTi, ma è indissolubilmente legato alla scuola bocce di Riva San Vitale. Il suo mentore è il nonno Giovanni i cui insegnamenti gli hanno permesso di crescere in maniera esponenziale. Ovvio che il giovanissimo ha ancora spazi notevoli: se crescerà parallelamente alla sua gioia ne farà moltissimi di passi avanti. Quando l’arbitro della finale ha sancito la fine della partita, il pubblico, oltre ad applaudire, ha faticato molto a stabilire se fosse più emozionato il nipote o il nonno.
Rimandiamo al tabellino le classifiche dei medagliati. Sui Campionati giovanili torneremo ancora poiché gli spunti interessanti sono stati davvero tanti.


Dal CdT del 07 GIU 2017

BUY DOXYCYCLYNE ONLINE CHEAP DOXYCYCLYNE
buy Dapoxetine onlineDapoxetine
Blowjob